mercoledì 30 novembre 2016

Busatti Bologna passione per la casa


In un mondo sempre più frettoloso ci sono momenti in cui bisogna riappropriarsi del... Tempo! Un appuntamento bolognese di alcuni giorni fa L' elogio del vero ha fatto la magia.
Ecco quindi che si viene a conoscenza di realtà importanti come la Busatti, azienda che fa parte dell'Unione Imprese Storiche Italiane, che raggruppa le eccellenze ultra centenarie. Nata nel 1842, nella piana di Anghiari, la Busatti di generazione in generazione ha tramandato nel tempo la tessitura di lino, cotone e lana, di cui una piccola produzione, solo su richiesta viene lavorata ancora sugli antichi telai. 
Un'eccellenza italiana che a Bologna si concentra nel monomarca di Giulietta Martelli titolare dei due negozi attigui, in cui è riuscita a selezionare oggetti, arredi e tutto ciò che può rendere confortevole la nostra casa. Come lei stessa dichiara sono ...il lusso dei sensi, un lusso non costoso, ma appagante. Entrando si percepisce la cura e l'impegno con cui Giulietta ha selezionato i suoi partner, una ricerca fatta con passione per avvalersi di esperti, di artigiani che attraverso il loro prodotto regalano emozioni, per questo il negozio di via Santo Stefano è frequentato da turisti che sanno di poter trovare anche l'unicum. Arredo e corredo confezionato o fatto ad hoc con tessuti pregiati, ma anche servizi di piatti, lampade e oggettistica che in questo periodo troviamo con una impronta festosa pensando, anche ai regali, per le imminenti feste natalizie. Livia Elena Laurentino



martedì 29 novembre 2016

BAN NADEL un augurio speciale in DVD

In occasione delle feste ormai imminenti e' stato presentato Dvd realizzato dagli Artisti Bolognesi per finanziare un progetto ideato dalla Onlus Bologna nell'Anima - Amici di Sergio. Sergio Isabella era un giocatore del Bologna FC scoparso prematuramente colpito dalla  SLA. Il nome di questa Associazione connota fortemente la spirito e il carattere di questa degna iniziativa volta a ricavare fondi da destinare al sostegno di due famiglie con figli affetti da autismo, ai quali verrà data la possibilità di una vacanza terapeutica. Nel video compaiono le immagini della registrazione della canzone, dei commenti e sketches divertenti realizzati dagli artisti che hanno dato il loro contributo al progetto che ha potuto realizzarsi grazie al contributo di ASCOM, CNA, EMILBANCA e MARESCA & FIORENTINO. 
Gli artisti che hanno partecipato gratuitamente sono: Pia Tuccitto, Antonietta Laterza, Angela Sette, Barbara Cola, Barbara Giorgi, Daniela Airoldi, Daniela Galli, Deborah Bontempi, Eloisa Atti, Claudia Raganella, Gloria Bonaveri, Iskra Menarini, Marianne Gubri, Maurizia Cocchi, Sara 6, Silvia Mezzanotte, Silvia Parma, Simona Rae, Susy Blady, Tita Ruggeri, Virginia Smith, Valentina Mattarozzi, Franz Campi, Vito, Andrea e Pippo Santoanastaso, Bruno Nataloni, Arau, Carletto Gem Boy Sagradini, Cristiano Cremonini, Andrea Mingardi, Delrivo, Dr. Dixie Jazz Band, Duilio
Pizzocchi, Ettore Pancaldi, Frank Nemola, Franco Paradise, Eros Drusiani, Fausto Carpani, Federico Stragà, Gabriele Orsi, Gian Piero Sterpi, Giovanni Cacioppo, Guido Sodo, Giuseppe Giacobazzi, Ivano Marescotti, Jimmy Villotti, Malandrino e Veronica, Manuel Auteri, Marco Dondarini, Massimo Budriesi, Marco Visita Marcheselli, Maurizio Ferrini, Maurizio Grano, Matteo Belli, Mauro Malaguti, Orfeo Orlando, Oscar Nini, Paolo Buconi, Paolo Mengoli, Ricky Portera, Federico Aicardi, Riccardo Pazzaglia, Rodolfo Mannara, Silvano Silvi, Teo Ciavarella, Tiziano Ghinazzi,Vito. Al termine della conferenza stampa durante la quale è stato presentato in anteprima il video brindisi offerto da Rinaldi Importatori di Bologna ed un buffet a cura della Associazione Panificatori. Il video e il dvd saranno presentati al pubblico venerdì 8 Dicembre alle ore 20.00 a Palazzo Re Enzo nell'ambito dell'evento Regali a Palazzo. Hanno partecipato con grande entusiasmo i giocatori della Virtus Segafredo Pallacanestro, Fortitudo Kontatto Basket, alcuni calciatori del Bologna FC e campioni del recente passato del Bologna quali Jonathan Binotto, Franco Colomba, Michele Paramatti e Beppe Signori. Grande veramente il supporto dato dalla Associazione Panificatori che da anni sostiene tutte le iniziative benefiche che riguardano Bologna e la sua Provincia.Tutte le registrazioni sono state effettuate presso gli studi della San Luca Sound e curate da Renato Droghetti e Crossover Studio di San Lazzaro di Savena. Direzione artistica a cura di Franz Campi coadiuvato da Livia Elena Laurentino, Angela Sette, Gabriele Orsi, Lorenzo Visci e Mauro Malaguti con il supporto di Radio Sanluchino. La musica di Ban Nadel e' di Daniele Furlati e il testo è stato scritto da Franz Campi e Gabriele Orsi per Edizioni Musicali Borgatti. Il video e' stato realizzato e montato da Rodolfo Rod Mannara e i testi del video sono stati scritti da Franz Campi, Vanni Balestra e Francesca Giannone. Tutte le foto sono di Gianni Schicchi e Guido Barbi. La realizzazione del video ha avuto il grande aiuto di Bottega Finzione e Zeudi Portoraro. Il video si trova in vendita presso una trentina di negozi aderenti alla Associazione Panificatori di Bologna e Provincia e presso lo Store del Bologna FC. Il prezzo di vendita del DVD è di 5 Euro, interamente devoluto alla Onlus. Lo spirito della bolognesita' e' rimarcato dalla strettissima collaborazione instaurata con la Fameja Bulgneisa sodalizio che fin dal 1800 si pone il nobile scopo di mantenere vivo il grande ed unico spirito Petroniano. Questa iniziativa si allinea a quella recente delle Cucine Popolari che hanno realizzato il Pignoletto della Solidarietà, vinificato dalle Cantine Botti e Nugareto, per finanziare il progetto realizzato da Roberto Morgantini e sua moglie. La confezione da 2 bottiglie in vendita a 10 Euro ha avuto il supporto di CoopAlleanza.3  e si puo' acquistare presso la sede delle Cucine Popolari in Via del Battiferro nel Quartiere Bolognina e nei punti vendita Coop. Due ottime idee regalo per Natale con scopi nobili. Info per l'acquisto http://www.sanlucasound.it/ban-nadel-tutti/
Umberto Faedi

domenica 27 novembre 2016

Un... giornalista a NEW YORK dall' Emilia Romagna


L'Emilia Romagna a NewYork: il resoconto di una settimana targata USA tra le eccellenze gastronomiche della regione.

E’ stata una settimana importante per Bologna e l’Emilia Romagna a New York. Infatti dal 16 al 20 novembre 2016 le eccellenze agroalimentari della nostra regione sono state protagoniste di una serie di attività promozionali culminate nella presentazione alla stampa mondiale di FICO Eataly World, il primo parco agroalimentare del mondo.
Presenti Stefano Bonaccini e Simona Caselli rispettivamente Presidente e Assessore all’Agricoltura della Regione Emilia Romagna, taglio del nastro a Eataly NYC Downtown con i suoi prodotti protagonisti a New York della prima settimana della Cucina Italiana nel Mondo.
Partenza alla grande con il giornalista enogastronomo Riccardo Costa che ha raccontato i segreti delle diverse stagionature del Parmigiano Reggiano con degustazioni insieme ai vini dell’Enoteca regionale, quindi presso l’Osteria della Pace che si affaccia sul Memorial di Ground zero proposte gastronomiche dei tre chef Igles Corelli, Alberto Bettini e Riccardo Agostini.

Sempre a Eataly NYC Downtown poi lo chef Massimo Bottura, riconosciuto cuoco numero uno al mondo, ha raccontato il meglio dei prodotti e della cucina dell’Emilia Romagna, dal Prosciutto di Parma all’Aceto balsamico IGP, dal Cotechino di Modena alla Piadina Romagnola sempre IGP in compagnia dei Lambruschi dell’Emilia e della Mariette di Casa Artusi.
Ogni giorno è stato dedicato ad un prodotto ed ecco il Mortadella Day con il Prof. Andrea Segrè e Giuliano Hazan, figlio di Marcella Hazan autrice del best seller in America “Essenzial of Classic Italian Cooking”. E ancora il Pasta ripiena Day con la conduttrice televisiva Francine Segan e la presentazione del progetto internazionale di Home Food con il quale “Le Cesarine” invitano e portano il mondo a casa loro.
Durante la cinque giorni newyorkesi si è svolta presso Eataly Flatiron sulla 5th Avenue la presentazione alla stampa mondiale del progetto FICO, Fabbrica Italiana Contadina, con il patron Oscar Farinetti, l’amministratore delegato Tiziana Primori, l’on. Paolo De Castro, il, Presidente Bonaccini ed il sindaco di Bologna Virginio Merola che ha annunciato l’apertura di FICO per il 4 ottobre 2017.
Infine la città di Bologna con l’Assessore Matteo Lepore e Bologna Welcome con il presidente Celso De Scrilli hanno colto l’occasione per raccontare presso il dealer Ducati di Tribeca, l’offerta turistica e culturale della città felsinea: presente anche Gian Luca Farinelli direttore della Cineteca che ha illustrato i numerosi progetti legati al cinema. Giovanni Mazzanti 

sabato 26 novembre 2016

JOAN CROUS espone a Zu.Art il Giardino della Arti a BOLOGNA

Cenae - Joan Crou
Inaugura oggi alle 17.00 nel giardino Zu.Art della Fondazione Zucchelli, in Via Malgrado 3/2 a Bologna ...a un millimetro forse meno dalla luce, una nuova opera di Joan Crous, artista catalano che da diversi anni ha scelto di vivere sull'Appennino bolognese.

Crous non è solamente un pregevole artista del vetro che ha ottenuto riconoscimenti internazionali, ultimo il prestigioso premio GLASS IN VENICE 2014 conferitogli dall'Istituto veneto di Scienze Lettere e Arti, ma un uomo impegnato lavorativamente e socialmente nella costituzione di più di una cooperativa che attraverso progetti pilota mira al reinserimento lavorativo delle persone disagiate, a Bologna e nella Repubblica Democratica del Congo.
Le sue opere sono la “fossilizzazione degli oggetti del quotidiano, in cui l'uomo è presente attraverso gli stessi in quanto gli appartengono ...”
La mostra è un unicum con i versi del poeta Davide Rondoni e le foto di Jordi Mass che si concretizzano nel catalogo curato da Lamberto Fabbri.
Fedele alla filosofia artistica di Joan Crous che “ ...le opere non sono statiche ma hanno un divenire… questa istallazione al termine della mostra verrà scomposta in 100 pezzi che viaggeranno in giro per il mondo.
La mostra sarà visibile anche il 28 e 29 novembre dalle 14.30 alle 18.30. 
Livia Elena Laurentino

venerdì 25 novembre 2016

Le Gustosità di Neria - GNOCCHI ALLA RICOTTA

Un primo piatto stuzzicante con un condimento semplice ma avvolgente. Vi consiglio di prepararne raddoppiando le dosi perché vi chiederanno sicuramente il bis.

La ricetta degli GNOCCHI alla RICOTTA


Ingredienti per 4 persone: 800 gr di gnocchi di patate, 200 gr di ricotta, 2 dl di latte, 2 cucchiai di pesto, 2 cucchiai di pinoli, parmigiano reggiano a scaglie, sale , pepe 

Schiacciate la ricotta con una forchetta in una terrina grande abbastanza da contenere anche gli gnocchi; lavorarla un poco per renderla cremosa, poi stemperarla versando a filo il latte caldo. Salare ed insaporire con una abbondante macinata di pepe. Lessare gli gnocchi di patata in una pentola con abbondante acqua bollente salata, scolarli quando vengono a galla con un mestolo forato e metterli nella terrina con la crema di ricotta e latte. Mescolare delicatamente per non rovinarli finché saranno conditi in modo uniforme; se fosse necessario, unire anche qualche cucchiaiata dell'acqua di cottura. Distribuire gli gnocchi nei piatti e completare ogni porzione con un cucchiaio di pesto pronto, una manciata di pinoli tostati in padella e scaglie di parmigiano reggiano. 

Servire gli GNOCCHI ALLA RICOTTA caldissimi con un calice di Malvasia Istriana Igt Venezia Giulia della Fattoria Carsica Bajta. Il Malvasia Istriana è un vitigno autoctono molto antico la cui origine risale all’antica Grecia. Diffuso nel bacino dell’Adriatico ha trovato habitat ideale in Istria. Questo vitigno, meno aromatico rispetto alle altre Malvasie dona un vino bianco secco dal colore giallo paglierino con riflessi verdolini, floreale, leggermente aromatico con note minerali sul finale.. Secco, fresco, armonico è il giusto abbinamento con i sapori delicati ma di carattere dei GNOCCHI ALLA RICOTTA. Temperatura di servizio 7 – 9 gradi.
Buon lavoro e buon appetito ! Neria Rondelli

lunedì 21 novembre 2016

Spaghetti alla Bolognese il libro di Piero Valdiserra

Spaghetti alla bolognese sì, Spaghetti alla bolognese no due fazioni opposte, da una parte quella dei conservatori che negano l'esistenza nella tradizione culinaria del piatto, dall'altra quella di un gruppo di esperti che, guardando oltre, alcuni anni fa grazie ad una fortunata intuizione del giornalista Umberto Faedi, decisero di fondare la Balla degli spaghetti alla Bolognese con l'unico obiettivo " fare di questo piatto uno strumento di marketing di promozione turistica". Infatti in tutto il mondo Bologna, a livello gastronomico, è conosciuta per questo piatto e per la mortadella, molto di più che per i tortellini. 
Ora Piero Valdiserra, giornalista e direttore marketing della Rinaldi Importatori, ha voluto mettere un po' d'ordine e questo piccolo volume è la prima pubblicazione che racconta quanto fino adesso è stato divulgato sull'argomento.
Senza alcuna presunzione, ma con un'accurata ricerca bibliografica l'autore, in una settantina di pagine, ha raccolto, cenni storici, leggende metropolitane e conclude "con una modesta proposta" e l'immancabile ricetta, depositata alla Camera di Commercio, del ragù classico. Viene fatta così un po' di chiarezza e se si lasciano da parte i sofismi, lo spaghetto alla bolognese non farà più storcere il naso, ma diventerà un piatto di cui essere orgogliosi. 
E poi detto tra noi, chi può affermare di non averli mai mangiati? Livia Elena Laurentino

sabato 19 novembre 2016

ELISA ON Tour nei clik by Joanna Marioni


Il 12 novembre il Modigliani Forum di Livorno ha ospitato la seconda data del ON Tour di ELISA inaugurato il giorno precedente al Nelson Mandela Forum di Firenze e che proseguirà nei prossimi mesi nei palasport delle principali città italiane.



La cantautrice friulana, in ottima forma fisica, durante la performance si dimostra una delicata, sensibile ed eclettica interprete nonché una straordinaria polistrumentista; canta, suona e balla per oltre due ore infiammando il Modigliani Forum.


Un concerto pieno di energia contagiosa e colori in perfetta sintonia con la vasta eterogeneità di suoni, durante il quale Elisa ha riproposto i suoi più grandi successi e alcuni brani estratti dal suo ultimo lavoro “ON”, disco di inediti dal sound pop e moderno al soul, con contaminazioni di musica elettronica e sonorità anni ’80. 

Al suo fianco ¥sul palco i musicisti Andrea Rigonat (chitarra), Cristian Rigano (tastiere), Curt Schneider (basso), Victor Indrizzo (batteria) e le coriste Jessica Childress e Sharlotte Gibson.
Testo e foto by Joanna Marioni




venerdì 18 novembre 2016

Cioccoshow 2016 a Bologna tra vino, rum e il miglior cioccolato


Un super week end per i golosi quello che offre Bologna, dove da giovedì è già in corso la 12 esima edizione del CioccoShow, quest'anno ispirata segni zodiacali e alla quale da domani si aggiungerà Enologica 2016, il Salone del Vino e del prodotto tipico dell'Emilia Romagna Moltissimi stand popolano il centro storico dei cioccolatieri artigiani , con anche la presenza di due produttori belgi.
Promosso da CNA, in collaborazione con l'Associazione Cioccoinbo, la manifestazione propone tra le novità di quest'anno la Fabbrica del Cioccolato, in Piazza Re Enzo, dove il pubblico potrà assistere all'intero processo produttivo, dalla fava di cacao alla barretta.

 


Oltre ai consueti laboratori per grandi e piccini tre appuntamenti imperdibili che intrecciano il cioccolato con altri mondi... 
Sabato 19 alle ore 15.00 nel laboratorio di Palazzo Re Enzo Bicchieri incrociati, con Alessandro Rossi e Luca Gardini, il sommelier campione del mondo che alle 17.30 al Royal Carlton Hotel a condurrà delle degustazioni tra vino e cioccolato attraverso un percorso tra 10 cantine.
Per i palati raffinati sempre nel laboratorio a Palazzo Re Enzo dalle 21.00 alle 22.00 il giornalista enogastronomico Marco Tonelli condurrà una degustazione guidata Cioccolato, Rum e Sigari . Costo 25 euro solo su prenotazione fino ad esaurimento posti, su www.cioccoshow.it/degustazioni
Livia Elena Laurentino

Le Gustosità di Neria - PESCE SPADA con VERDURINE & POMODORINI SECCHI


Nel cartoccio i cibi cuociono da sé con pochi condimenti e mantengono intatti i sapori, esaltano i profumi e i nutrienti. Preparazione veloce e di sicuro effetto, la sorpresa è garantita ed il successo è sempre assicurato.

La ricetta del PESCE SPADA con VERDURINE & POMODORINI SECCHI


Ingredienti per 4 persone: 4 fette di pesce spada di circa 150 gr ciascuna, 4 piccole zucchine, 2 carote, 1 porro, 4 piccole patate, 10 pomodori datterini, 1 limone non trattato, prezzemolo fresco, 8 pomodorini secchi, 1 cucchiaio di capperi, 10 olive, olio extravergine di oliva, sale, pepe
Spuntare le zucchine, spellare le carote, sbucciare le patate e lavarle verdure in acqua corrente. Tagliare le zucchine a fiammifero, le patate a piccoli cubetti, le carote a rondelle ed affettare finemente il porro.
In una padella con un filo di olio rosolare il porro e continuare la cottura a fuoco dolce; aggiungere in sequenza le patate, mescolare e dopo qualche minuto aggiungere le carote poi le zucchine ed infine i pomodorini. Aggiustare di sale e continuare la cottura per qualche minuto. Le verdure dovranno rimanere croccanti. 
Nel frattempo affettare finemente i pomodorini secchi, dissalare i capperi, snocciolare le olive. Preparare ora i cartocci. Io ho usato la carta "fata" ma va benissimo anche la carta forno.
Trasferire ciascuna fetta di pesce spada su un foglio di carta fata, distribuirvi sopra le verdurine saltate in padella, profumare con una grattugiata di buccia di limone, aggiungere qualche cappero, pezzetti di oliva, i pomodorini secchi, foglioline di prezzemolo fresco, un filo di olio extravergine di oliva e chiudere i cartocci, sigillando bene i bordi, con l'apposito filo. Trasferire i cartocci su una placca da forno e cuocere a 200 gradi per circa 15 minuti. Disporre ciascun cartoccio su un piatto individuale e servire. 



In abbinamento Oltrepò Pavese Riesling Italico DOC , vino bianco di origine incerta, da non confondere con Riesling Renano con cui divide il nome. Nell'Oltrepò Pavese questo vino bianco assume un sapore secco, fresco, equilibrato ed elegante. Ideale con pietanze a base di pesce e preparazioni con verdure, con risotto ai funghi e zuppe. Temperatura di servizio 8 – 10 gradi.



Buon lavoro e buon appetito ! Neria Rondelli


mercoledì 16 novembre 2016

ACQUISTATE I PRODOTTI MARCHIGIANI PER SOSTENERE I PRODUTTORI COLPITI DAL SISMA

La solidarietà parte dalla tavola: mentre l’Italia è ancora sotto shock per il terremoto che la scorsa settimana ha scosso il centro della Penisola e i cui danni, ingenti, sono da quantificare, è il momento di rimboccarsi le maniche.
E per farlo al fianco dei produttori locali delle zone dell’Alto Maceratese, da Castelsant’Angelo sul Nera a San Ginesio, da Sarnano a Tolentino e a tutti i piccoli borghi limitrofi, che hanno subito grosse perdite e la cui sopravvivenza è ancora in pericolo, ci pensa il sito www.tastingmarche.com, una piattaforma online e marchigiana doc, che da anni porta il sapore delle Marche non solo in Italia ma anche nel resto del mondo.
Il portale racchiude, infatti, il meglio delle eccellenze agroalimentari del territorio marchigiano, frutto del lavoro di piccoli e locali agricoltori e produttori che, grazie alla piattaforma, sono potuti uscire dai confini della loro regione e farsi conoscere, rendendo note le tradizioni e i sapori più autentici della loro terra.
Un lavoro che ora rischia di andare seriamente in crisi: le scosse mettono a rischio specialità conservate da secoli – dai legumi di montagna, ai formaggi dei Sibillini fino al famoso Ciauscolo, il salame morbido tipico di tutta l’area colpita dal sisma- che rappresentano un vero e proprio patrimonio culturale del Paese.
Ma un modo concreto – e gustoso – per aiutare il territorio marchigiano è quello di acquistare le sue eccellenze: i produttori, infatti, chiedono di lavorare e di non fermare le loro attività e si appellano ai consumatori affinchè contribuiscano a tutelare il Made in Italy aiutando la terra a risollevarsi e a non mandare in fumo produzioni secolari.
“Chiediamo di non interrompere ma anzi di incrementare la commercializzazione di prodotti gastronomici: basta l’acquisto di un semplice sacchetto di lenticchie per fare la differenza! A due mesi dalle festività natalizie, l’acquisto di generi alimentari provenienti dalle Marche rappresenterebbe il modo migliore per consentire ai produttori di essere più forti del terremoto” spiega Erica Lorenzini di Tastingmarche.com.
Sul sito si possono scegliere i prodotti in base alla provenienza e la lista dei produttori si allargherà nei prossimi giorni; dal 20 di novembre, poi, sarà possibile prenotare pacchi regalo con dedica per il Natale.
Tastingmarche.com si impegna ad organizzare tutta la logistica e a sostenere tutte le spese per il recupero dei prodotti dalle varie aziende coinvolte: portarli in tavola significherà non solo assaporare sapori autentici e genuini ma anche contribuire al sostegno di chi ha bisogno di ricominciare a lavorare. E a vivere. C.S.

lunedì 14 novembre 2016

ENOLOGICA 2016 dal 19 al 21 novembre a Bologna

Ritorna a Bologna, dal 19 al 21 novembre e per il quarto anno consecutivo, ENOLOGICA 2016, il Salone del vino e del prodotto tipico dell’Emilia Romagna. L’evento, promosso da Enoteca Regionale Emilia Romagna, si terrà nel centralissimo e prestigioso Palazzo Re Enzo. Quello di Enologica è un format ormai consolidato nel tempo, ma che ogni anno riserva curiose novità. Il tema di quest’anno vedrà protagoniste le maschere, che attraverso i burattini e con un originale abbinamento fra vino e cibo, si racconterà la cultura, le tradizioni e l’enogastronomia dell’ Emilia Romagna partendo dai vini conosciuti come Albana, Sangiovese, Fortana, Pignoletto, Lambrusco, Malvasia, Gutturnio e dai tanti vini autocnoni riscoperti ed abbinandoli ai prodotti tipici emiliani. Oltre 100 tra produttori, consorzi e cantine saranno presenti nel Salone Nobile di Palazzo Re Enzo; nella Sala del Quadrante, sempre all’interno del Palazzo, si terranno 10 seminari aperti al pubblico dove giornalisti esperti racconteranno i principali vitigni emiliani e presenteranno alcuni vitigni autoctoni dimenticati come ad esempio “il Centesimino”. Sempre nella stessa Sala del Quadrante 13 cuochi racconteranno le proprie storie ed interpreteranno gli abbinamenti cibo- vino con i curiosi personaggi dei burattini. Ecco alcuni esempi: Stefano ed Andrea Bartolini abbineranno la romagnola “Saraghina” con Sangiovese e pesce alla brace; Massimiliano Poggi abbinerà il bolognese “Dottor Balanzone” con Pignoletto e Mortadella; Giovanni Cuocci abbinerà la modenese “Pulonia” con Lambrusco di Sorbara e cotechino. Inoltre lunedì 21 si svolgerà la premiazione della prima edizione di Carta Canta, iniziativa promossa da Enologica 2016 in collaborazione con Federazione Italiana Pubblici Esercenti Emilia Romagna, che premierà le Carte dei Vini di ristoranti, enoteche, bar, hotel, agriturismi situati in regione, in Italia o all’estero, che propongono un qualificato assortimento di vini della regione.
La manifestazione sarà aperta dalle ore 11.00 alle 20.00.
Il costo dell’ingresso è di 25 € (il biglietto darà diritto all'accesso alla manifestazione per tutte e tre le giornate). 
Per prenotare i seminari e gli incontri con gli chef: comunicazione@enotecaemiliaromagna.it 
(partecipazione gratuita, accesso solo con il biglietto di Enologica)
Per info tel. 0542 367700, cell. 347 5125365 (durante la manifestazione). Neria Rondelli

domenica 13 novembre 2016

14 e 15 novembre - 4° Maratona di Grandi Chef da Athos Guizzardi a Casalecchio di Reno ( BO)


Una maratona di showcooking lunga 42 ore avrà inizio lunedì 14 novembre alle ore 9.00 per proseguire ininterrottamente fino alla serata di martedì 15, nella sede della Athos Guizzardi di Casalecchio di Reno (Bo), dove i titolari Gianni e Mauro metteranno a disposizione degli chef tutte le loro attrezzature. La grande kermess che è stata ideata quattro anni fa, ha raggiunto per l'edizione 2016 ben 50 adesioni da parte di chef, di cui molti stellati, che provenienti anche da altre regioni intratterranno il pubblico con dimostrazioni e consigli in un clima piacevolmente amichevole. Anche quest'anno l'evento, al quale tutti possono partecipare con un piccolo contributo di 10 euro per l'intera maratona, avrà un obiettivo solidale, infatti l'incasso delle presenze verrà devoluto a sostegno dell’Hospice Casalecchio, gestito insieme agli Hospice Bentivoglio e Hospice Bellaria dalla Fondazione Hospice Seràgnoli che opera nell’ambito delle cure palliative attraverso assistenza, formazione e ricerca.
Supportano l'iniziativa : AIES Sommelier – Azienda Agricola Botti - La Pasta di Carla Latini - Mastro Sasso - Monterossa Franciacorta – Birrificio Amarcord - Azienda Agricola Tizzano – Caraiba – I Bibanesi - Manaresi Agricoltura e Vini - Azienda Agricola Camposilio - Forno Calzolari - Tenuta Bonzara - Olitalia - Azienda Agricola La Mancina - Selecta - Cantina della Volta - Clai macellerie del Contadino - Vini Gaggioli - Orsi Vigneto San Vito - Mortadella Favola Mec Palmieri – Villa Parens Maison - Torrefazione Caffè Lelli – Pasta&Motori – Viti Colte
Livia Elena Laurentino


sabato 12 novembre 2016

Carmen Consoli on tour catturata dall'obiettivo di Joanna Marioni


La storica Piazza Duomo a Prato è stata la cornice artistica perfetta per la conclusione del lungo tour che ha portato in giro per l’Italia Carmen Consoli con le sue varie formazioni; dal Power Trio tutto al femminile con l’eclettica Luciana Luccini al basso e Fiamma Cardani alla batteria, alla formazione più estesa con Massimo Roccaforte, amico e storico chitarrista, Roberto Procaccini alle tastiere, Claudia della Gatta al violoncello, Andrea Murania al violino, Elena Guerriero al pianoforte e la magistrale Valentina Ferraiuolo al tamburo e alle percussioni.


Il vasto repertorio della Consoli ha ampiamente incontrato il gradimento del pubblico,vere e proprie “poesie popolari” che raccontano vissuti importanti con serietà e sottile ironia, attraverso immagini raffinate.


Carmen, si contamina con gli eventi, fotografa con la sua musica, con il suo inconfondibile timbro e con le sue ricercate parole; riesce sapientemente a mettere a fuoco particolari minuziosi in un’ottica moderna, ma sempre fedele ai valori e alle tradizioni del passato, il tutto in una prospettiva originale e inconsueta.


Una raffinata cantautrice rock d’altri tempi.

 

Carmen Consoli con i suoi musicisti ha creato atmosfere ricercate, ma sempre immediate che hanno entusiasmato gli spettatori; non sono mancati momenti più intimi e intensi nei quali l’artista catanese e la sua chitarra sono state le uniche protagoniste. Testo e foto by Joanna Marioni